5 Cose da fare e 5 cose da non fare nell'email marketing

2016-12-13

Scopri i segreti per creare una strategia di email marketing di successo

5 cose da fare


1) Crea una Strategia
Il successo delle tue attività di Email Marketing non è determinato da un solo fattore. Stabilisci i tuoi obiettivi, costruisci una strategia e sii pronto ad imparare dai tuoi errori

2) Monitora i Risultati delle tue Campagne
Tieni costantemente sotto controllo i dati riguardanti i tuoi invii e le tue campagne
Analizza e confronta le campagne di successo con quelle che hanno raggiunto risultati non ottimali.  Scopri, con i dati statistici, come il tracking URL o il miglior ora e giorno di invio, quali sono stati gli elementi vincenti.

3) Scegli il Target Giusto
Il primo "segreto" di una newsletter di successo? Semplice, invia la comunicazione a chi è realmente interessato al contenuto dell’email.  Se hai diverse rubriche evita di inviare comunicazioni a contatti che non hanno espresso interesse in alcun modo per quel prodotto o servizio

4) Inserisci una call to action
Inserisci all'interno della newsletter una "chiamata all'azione" chiara e facilmente individuabile. Che cosa vuoi che faccia l'utente dopo aver ricevuto ed aperto la tua newsletter? Leggere un articolo? Aderire ad un'offerta? Scrivi chiaramente all'interno della newsletter l'azione e rendila evidente.

5) Prima di inviare verifica sempre la visualizzazione finale ed il livello di SPAM della tua newsletter
Prima di ogni invio verifica come verrà visualizzata su desktop la tua email dai destinatari. Poi verifica con il nostro strumento se la tua email è a rischio di finire nello SPAM


5 cose da non fare

1) Dimenticare il Mobile!
Oggi tra il 30 e il 50% delle email vengono aperte su mobile. Spedire newsletter con template non responsive significa inviare a gran parte dei tuoi destinatari un contenuto che leggeranno non perfettamente.

2) Inserire caratteri o parole nell'oggetto che potrebbe far finire la tua newsletter nello SPAM
Evita di scrivere in maiuscolo o di inserire caratteri di valuta (es. $, €, etc.) o altri simboli (come % e !) nell'oggetto.
Evita anche di inserire parole come gratis, grande, offerta, ordina ora , test, garantito
Entrambi potrebbero essere "email spam trigger", cioè elementi che potrebbero attivare i filtri spam e far finire la tua newsletter direttamente nella casella spam.

3) Inviare Email senza test
Prima di inviare la tua newsletter effettua invii di test verso più client di posta e verifica anche come viene visualizzata sui diversi device (PC, tablet e Smartphone).

4) "Stressare" il tuo cliente con più invii a breve distanza
Quante newsletter posso inviare al mio utente? A meno che la tua società non preveda offerte giornaliere (come Groupon), non inviare più di 2-3 newsletter alla settimana. Ricordati di inviare sempre contenuti di qualità e utili ai tuoi utenti.

5)  Tralasciare i dati di conversione
Le attività di email marketing hanno generalmente come obiettivo il completamento di azioni sul sito. Ricordati di implementare e configurare correttamente un sistema di web analytics (ad es. Google Analytics) sul tuo sito per monitorare le conversioni provenienti dalle attività di email marketing.

Condividi su

E' interessante questo articolo?

Registrati alla Newsletter per rivecere i nostri consigli.

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per restare aggiornato su tutte le novità e gli eventi di Mail Marketing.